Mani Fredde Sclerodermiche

14

Maggio 2015

A cura del Dr. Leonardo Santo

In cosa consiste la Capillaroscopia?
Cosa fare in caso di sospetto fenomeno di Raynaud?
Alcuni consigli importanti

  • Per ridurre la frequenza degli attacchi e limitarne l’intensità è utile seguire una serie di norme comportamentali;
  • Evitare il più possibile l’esposizione al freddo e bruschi sbalzi di temperatura;
  • Adottare un’adeguata protezione termica. È importante tenere caldi non solo le mani e i piedi, ma tutto il corpo. L’ideale è vestirsi a strati e indossare sempre sciarpa, guanti, cappello e calze pesanti;
  • Usare i guanti anche quando si toglie qualcosa dal freezer;
  • Non fumare. La nicotina contenuta nelle sigarette determina una diminuzione della temperatura corporea, che può scatenare un attacco;
  • Limitare il consumo di alcol e caffeina, che hanno un effetto di costrizione dei vasi sanguigni;
  • Evitare farmaci che possono causare gli attacchi e peggiorare il quadro, come i vasocostrittori;
  • Tenere sotto controllo lo stress. Imparare a riconoscere ed evitare le situazioni stressanti può aiutare a evitare gli attacchi;
  • Fare regolarmente esercizio fisico. Questo vale soprattutto per la forma primaria.
  • Chi ha la secondaria dovrebbe sempre parlare con il proprio medico prima di fare attività fisica all’aperto durante la stagione fredda;
  • Consultare un medico, soprattutto se gli attacchi riguardano un solo lato del corpo e/o portano alla formazione di piaghe o ulcere.

Documenti collegati:

mani_fredde_sclerodermiche.pdf

Sede legale: Via Molise, 16 – 73100 Lecce (LE)
Sede operativa : Via Miglietta, 5 c/o Asl Lecce (Ex Opis) – 73100 Lecce (LE)
Tel/Fax 0832 520165 - Email: info@apmarr.it - PEC: apmarr@legalmail.it
C.F.: 93059010756 - P.Iva: 04433470756 - Codice SDI: W7YVJK9
Privacy Policy