Farmaci biosimilari: un e-book per informarsi sull’argomento

25

Febbraio 2016

Biosimilari, un dibattito aperto

L’era dei farmaci biotecnologici è iniziata nel 1982, da allora il successo scientifico e commerciale di questi prodotti è stato travolgente. Si stima che milioni di pazienti al mondo siano trattati oggi con farmaci biologici.

Nel frattempo, la prima generazione di farmaci biologici ha ormai raggiunto la scadenza brevettuale o è in procinto di farlo. Ciò ha creato lo spazio per l’entrata in scena sul mercato dei cosiddetti farmaci biosimilari, simili ai farmaci originator ma commercializzati a prezzi inferiori.

Persino la denominazione di questo tipo di farmaci biotecnologici ha rappresentato un processo controverso: numerosi nomi sono stati proposti (biogenerico, second entry biological, subsequent entry biological, prodotto biologico non brevettato, follow-on biologic) fino alla scelta da parte dell’European Medicines Agency (EMA) del termine ufficiale “biosimilari”.

La complessità del processo di produzione dei farmaci biologici e dei biosimilari, la situazione ancora fluida a livello regolatorio e legislativo e la scarsità di dati clinici rendono la questione biosimilari ancora tutta da esplorare.

Per districarsi in questo argomento, al link www.bio-similari.it è fruibile un e-book contenente informazioni di qualità e certificate nel quale vengono spiegati, con l’ausilio di video dei massimi esperti in materia, i seguenti argomenti: equivalenza, efficacia sicurezza, estrapolazione, intercambiabilità, monitoraggio, sostenibilità, scelta.

Nell’e-book è presente anche il punto di vista del paziente, per il quale APMAR Onlus ha dato il proprio contributo.

Sede legale: Via Molise, 16 – 73100 Lecce (LE)
Sede operativa : Via Miglietta, 5 c/o Asl Lecce (Ex Opis) – 73100 Lecce (LE)
Tel/Fax 0832 520165 - Email: info@apmarr.it - PEC: apmarr@legalmail.it
C.F.: 93059010756 - P.Iva: 04433470756 - Codice SDI: W7YVJK9
Privacy Policy

Associazione riconosciuta, iscritta al n. 94 del registro
Persone Giuridiche della Prefettura di Lecce