Morbo di Crohn ed interessamento ovarico: una rara complicazione

26

Febbraio 2016

Nei rari casi in cui il Crohn interessa le ovaie, l’analisi istopatologica dell’ovaio dimostra granulomi con ascessi compatibili con questa malattia infiammatoria intestinale

La condizione transmurale del morbo di Crohn predispone a fistole ed ascessi. Le fistole interne presentano un’incidenza del 15% circa e, fra di esse, sono state raramente descritte in letteratura fistole interovariche. Un recente articolo ha presentato tre casi di fistole di questo tipo: due donne con diagnosi di morbo di Crohn si sono presentate con un ascesso pelvico diagnosticato mediante ecografia e TC. Alla chirurgia è stata riscontrata una massa infiammatoria che interessava ileo ed ovaio. La terza paziente è stata operata per un ascesso tubo-ovarico, ed ha ricevuto diagnosi di morbo di Crohn ileale successivamente.

In tutti e tre i casi, l’analisi istopatologica dell’ovaio ha dimostrato granulomi con ascessi compatibili con il morbo di Crohn ed è stata praticata un’ileo-colectomia destra con annessectomia. Non sono stati riscontrati ulteriori coinvolgimenti dell’ovaio controlaterale o altre complicazioni ginecologiche.

Il trattamento delle complicazioni del morbo di Crohn dovrebbe, dunque, essere individualizzato. In caso di coinvolgimento ovarico, il trattamento chirurgico dovrebbe comprendere l’annessectomia. (Rev Esp Enferm Dig. 2016; 108: 100-3)

Sede legale: Via Molise, 16 – 73100 Lecce (LE)
Sede operativa : Via Miglietta, 5 c/o Asl Lecce (Ex Opis) – 73100 Lecce (LE)
Tel/Fax 0832 520165 - Email: info@apmarr.it - PEC: apmarr@legalmail.it
C.F.: 93059010756 - P.Iva: 04433470756 - Codice SDI: W7YVJK9
Privacy Policy

Associazione riconosciuta, iscritta al n. 94 del registro
Persone Giuridiche della Prefettura di Lecce