Additivi al diossido di titanio incrementano infiammazione intestinale

20

Marzo 2016

L’infiammazione intestinale propria del Morbo di Crohn e della Rettocolite ulcerosa sembra essere alimentata dal diossido di titanio, additivo usato nel settore alimentare e in quello farmacologico

Alcuni studi murini e di altra natura hanno suggerito che le nanoparticelle di diossido di titanio (TiO2), largamente impiegate come additivi alimentari e nelle formulazioni farmacologiche, potrebbero essere implicate nell’infiammazione intestinale. Secondo Gerhard Roegler dell’Università di Zurigo, autore di una di queste ricerche, sembra che queste nanoparticelle non siano dannose in un soggetto sano con una barriera intestinale normale ma ciò potrebbe cambiare nei soggetti con un deficit della funzionalità della barriera intestinale, come accade nelle malattie infiammatorie intestinali.

Queste ultime sono in aumento in molte nazioni in corso di occidentalizzazione e fra le possibili cause si annoverano anche le microparticelle di agenti come il TiO2, impiegati per migliorare l’aspetto di prodotti quali i cibi. Sono in aumento le prove del fatto che l’esposizione a TiO2 possa causare effetti collaterali, fra cui la produzione di specie reattive dell’ossigeno, risposte infiammatorie e formazione di tumori.

Secondo i ricercatori, il presente studio suggerisce un impiego cauto del diossido di titanio nelle formulazioni farmacologiche, e supporta il beneficio terapeutico delle diete a basso contenuto di particelle inorganiche nelle malattie infiammatorie intestinali. Secondo alcuni esperti, il TiO2 può anche essere assorbito, ed in una certa misura può passare in circolo, il che potrebbe avere implicazioni che meritano ulteriori indagini, specialmente al fine di regolare meglio l’uso di additivi ed eccipienti alimentari che non rivestono alcun ruolo fondamentale. (Gut online 2016, pubblicato il 4/2)

Fonte: http://www.popsci.it

Sede legale: Via Molise, 16 – 73100 Lecce (LE)
Sede operativa : Via Miglietta, 5 c/o Asl Lecce (Ex Opis) – 73100 Lecce (LE)
Tel/Fax 0832 520165 - Email: info@apmarr.it - PEC: apmarr@legalmail.it
C.F.: 93059010756 - P.Iva: 04433470756 - Codice SDI: W7YVJK9
Privacy Policy