Artrite reumatoide: dagli anticorpi un possibile screening per la popolazione

23

Maggio 2016

Gli anticorpi anti citrullina, potrebbero aiutare nella diagnosi

(Reuters Health) Gli anticorpi anti citrullina, in particolare un elevato titolo di anti-CCP2, potrebbero aiutare nella diagnosi, sulla popolazione generale, dell’artrite reumatoide, con un buon livello di accuratezza. A dimostrarlo è stato uno studio svedese pubblicato su Annals of the Rheumatic Diseases.

Gli anticorpi anti citrullina (anti-CCP-2 o ACPA) sono altamente specifici per l’artrite reumatoide, ma finora l’accuratezza diagnostica della misurazione dei livelli di questi anticorpi nella popolazione generale non è mai stata “valutata a fondo”, hanno spiegato Aase Haj Hensvold, del Karolinska Institutet di Stoccolma, e colleghi nell’articolo.

I ricercatori svedesi hanno preso in considerazione 12.590 gemelli, un campione rappresentativo della popolazione del Paese scandinavo. Hensvold e colleghi hanno analizzato i campioni di siero per verificare la presenza di anticorpi anti citrullina usando il test ELISA. Tutti i campioni positivi sono stati poi analizzati alla ricerca di quattro diversi anticorpi peptide-specifici. I ricercatori hanno quindi identificato i pazienti affetti da artrite reumatoide registrati nel Swedish National Patient Register all’inizio e dopo una periodo medio di 37 mesi.

Hensvold e colleghi hanno visto che 350 persone, il 2,8%, delle 12.590 prese in considerazione erano positive al test anti-CCP2; e 103 di queste, il 29,4%, aveva una diagnosi di artrite reumatoide al momento della raccolta dei campioni di sangue. Nel periodo di follow-up, un ulteriore 21 tra i restanti 247 soggetti positivi al test, l’8,5%, aveva sviluppato la malattia. “Un risultato positivo del test anti-CCP2 ha avuto un valore predittivo del 29% sulla prevalenza dell’artrite (un valore predittivo negativo del 99,6%)”, hanno riportato i ricercatori; mentre alti livelli di anti-CCP2 aumentavano il valore predittivo positivo al 48%.

“I soggetti positivi al test degli anticorpi ACPA, senza artrite reumatoide, avevano un basso titolo di anti-CCP2 e un minore numero di ACPA peptide-specifici, rispetto ai pazienti con artrite, e più alti livelli di proteina C reattiva, rispetto ai soggetti ACPA-negativi senza artrite reumatoide”, hanno sottolineato gli autori dello studio.

I ricercatori hanno anche evidenziato che, con più di 12mila persone comprese nello studio, la ricerca da loro svolta è la più ampia sull’accuratezza diagnostica di ACPA. I risultati, inoltre, concordano con studi precedenti ,che hanno mostrato una buona specificità degli anti-CCP2 per l’artrite reumatoide. In realtà, come hanno sottolineato gli stessi autori, “la mancanza di analisi consecutive negli stessi soggetti è una limitazione dello studio su come evolvono i livelli di questo anticorpo nel tempo. Ma lascia spazio a studi futuri”.

“Abbiamo dimostrato che il test ACPA in un campione predittivo della popolazione generale è altamente specifico per valutare la prevalenza dell’artrite reumatoide”, hanno concluso Hensvold e colleghi.

Fonte: Ann Rheum Dis 2016.

(Versione italiana a cura di Quotidiano Sanità/Popular Science)

Fonte: http://www.popsci.it

Sede legale: Via Molise, 16 – 73100 Lecce (LE)
Sede operativa : Via Miglietta, 5 c/o Asl Lecce (Ex Opis) – 73100 Lecce (LE)
Tel/Fax 0832 520165 - Email: info@apmarr.it - PEC: apmarr@legalmail.it
C.F.: 93059010756 - P.Iva: 04433470756 - Codice SDI: W7YVJK9
Privacy Policy

Associazione riconosciuta, iscritta al n. 94 del registro
Persone Giuridiche della Prefettura di Lecce