Esposizione paterna al methotrexate non connessa ad esiti negativi della gravidanza

27

Aprile 2017

L’esposizione di un padre al methotrexate ad un massimo di 90 giorni prima del concepimento non dovrebbe essere considerata preoccupante, in quanto non sembra comportare alcun incremento del rischio di malformazioni congenite maggiori o minori, natimortalità o parto pretermine nella prole

Le attuali raccomandazioni internazionali indicano che sia uomini che donne dovrebbero sospendere la sua assunzione almeno tre mesi prima di una gravidanza programmata, ma sono state smentite da uno studio condotto su 127 uomini da Jon Traerup dell’ospedale universitario di Copenhagen.

Diversi anni fa la ricerca ha suggerito che il seme degli uomini trattati con methotrexate potrebbe essere danneggiato e potrebbe determinare danni nella prole futura e, questo rischio teorico, ha ispirato le attuali linee guida, ma solo pochi studi sinora avevano investigato l’argomento, senza peraltro riscontrare alcuna evidenza di effetti dannosi per il feto.

I pazienti, dunque, sono stati costretti senza alcuna evidenza di supporto a sospendere una terapia potenzialmente efficace o a rinunciare ad avere bambini, mentre il presente studio supporta la possibilità di proseguire il trattamento prima di una gravidanza. Alcuni esperti comunque ricordano che, dato che non erano disponibili informazioni su terminazioni della gravidanza ed aborti, se il methotrexate avesse causato malformazioni fetali che avessero portato a questi eventi, nello studio ciò sarebbe passato inosservato.

Sarebbe dunque prematuro concludere con sicurezza che il methotrexate assunto dagli uomini non avrebbe alcun impatto sulla salute fetale se le loro partner intraprendessero una gravidanza, ma le linee guida in materia potrebbero e dovrebbero riconoscere sia i dati sinora rassicuranti in materia che le incertezze rimanenti. (Obstet Gynecol online 2017, pubblicato il 6/3)

Fonte: http://www.popsci.it

Sede legale: Via Molise, 16 – 73100 Lecce (LE)
Sede operativa : Via Miglietta, 5 c/o Asl Lecce (Ex Opis) – 73100 Lecce (LE)
Tel/Fax 0832 520165 - Email: info@apmarr.it - PEC: apmarr@legalmail.it
C.F.: 93059010756 - P.Iva: 04433470756 - Codice SDI: W7YVJK9
Privacy Policy

Associazione riconosciuta, iscritta al n. 94 del registro
Persone Giuridiche della Prefettura di Lecce