#2 Come devono comportarsi i genitori di un bambino con artrite idiopatica giovanile?

13

Settembre 2018

In vista del rientro a scuola, vi proponiamo una serie di domande e risposte – tratte dalla nostra pubblicazione “Il bambino con artrite a scuola” – per fare chiarezza sull’artrite idiopatica giovanile e fornire un supporto concreto a genitori e insegnanti.

Un ruolo fondamentale nell’accettazione della patologia è svolto dalla famiglia del bambino, in particolare dal sistema di significati attribuiti alla malattia dalla famiglia stessa e dalla capacità della stessa di affrontare ed adattarsi a situazioni nuove molto difficili.

Il momento della diagnosi di una patologia cronica spesso rimette in discussione il concetto di salute fino a quel momento appreso, rimodellandolo e riadattandolo alla nuova situazione; in famiglia è spesso causa di disorientamento, scoraggiamento, e di forti emozioni come la paura per il futuro, l’ansia e talvolta sentimenti di impotenza.

Risultano indispensabili una serie di accorgimenti, funzionali al perseguimento reattivo e positivo nei confronti della patologia da parte dei soggetti interessati. In particolare la famiglia e la scuola dovranno interagire per assicurare un clima relazionale positivo nei luoghi deputati allo sviluppo e alla maturazione psico-sociale del soggetto interessato. Genitori ed insegnanti, consapevoli delle problematiche da affrontare, devono favorire lo sviluppo positivo del bambino, evitando atteggiamenti iper-protettivi che potrebbero far scaturire sensi di inadeguatezza o peggio ancora di passiva rassegnazione rispetto alla gravità del problema.

Molti bambini soffrono e si sentono colpevoli per il dolore che la loro malattia arreca ai genitori, per questo le figure di riferimento dovranno mantenere un atteggiamento positivo di fiducia nei confronti del presente e del futuro. Come? Incoraggiando il bambino a riadattarsi ad un nuovo ambiente, ricalibrando la sua autonomia alle nuove situazioni, non sostituendosi a lui, ma offrendogli nuovi strumenti fisici ed emotivi, incoraggiandolo a partecipare ai giochi e alle attività dei suoi coetanei, a praticare attività sportive di gruppo per favorire l’integrazione sociale con i coetanei.

A scuola:

  • gli insegnanti e i compagni di scuola andranno informati ed educati riguardo al problema del bambino e bisognerà ottenere la loro consapevole collaborazione;
  • in alcuni casi i perìodi di assenza possono essere frequenti, in questo caso bisognerà organizzare l’istruzione a domicilio, di concerto con gli operatori scolastici di riferimento.

Documenti collegati:

Il_bambino_con_lartrite_a_scuola_1.pdf

Sede legale: Via Molise, 16 – 73100 Lecce (LE)
Sede operativa : Via Miglietta, 5 c/o Asl Lecce (Ex Opis) – 73100 Lecce (LE)
Tel/Fax 0832 520165 - Email: info@apmarr.it - PEC: apmarr@legalmail.it
C.F.: 93059010756 - P.Iva: 04433470756 - Codice SDI: W7YVJK9
Privacy Policy

Associazione riconosciuta, iscritta al n. 94 del registro
Persone Giuridiche della Prefettura di Lecce